Archive : Tag

La fotografia non si fa con il cuore: Il fruscio del disco si sente in foto.

Pubblicato il 11,01,2017  - Su Fotografia, Tutorial

Bentornati a tutti dalle feste.
La Befana e Babbo Natale hanno portato tante reflex ai bambini buoni,che speriamo leggeranno anche i manuali d’istruzioni.

Rumore. Oggi parliamo di rumore e voglio partire un po’ da lontano per arrivare al significato di questo concetto ad oggi.

Nella fotografia analogica, dove si usano reazioni chimiche per determinare dei valori utili a produrre una fotografia, abbiamo la misurazione della sensibilità della pellicola
(non essendovi un sensore) o velocità della stessa che dir si voglia, nel rapporto con la luce.
Fotografare con una pellicola a bassa sensibilità richiede (a parità di condizioni), tempi di esposizione maggiori.
In questo caso è corretto parlare di pellicole lente.
Al contrario, pellicole con alte sensibilità necessitano di tempi di esposizione più corti, da qui la dicitura di Pellicole veloci.
Ovviamente questi rapporti e le scelte delle pellicole sono determinate dalle condizioni di illuminazione e dall’utilizzo o meno di flash esterni o su slitta.

Le sensibilità delle pellicole si misurano in ISO / ASA o DIN (in Germania).

Ecco i valori ISO/ASA più comunemente utilizzati nelle pellicole: 50, 100, 125, 160, 200, 400, 800, 1000 e 1600.
Ora cerchiamo di addentrarci nel concetto di Rumore che chiameremo Grana, rivolgendoci alla pellicola.
La pellicola è composta da alogenuro d’argento, un composto chimico (sale) formato dall’argento (Ag) con un alogeno (fluoro, cloro, bromo, iodio).
La formula generale di un alogenuro d’argento è AgX, dove X indica un generico alogeno.
(fonte Wikipedia)

prova-iso

Il concetto importante è che quanto meno sensibile sarà la pellicola ( ASA 50 – 100 – 125 …) tanto meno grande sarà lo spessore e le dimensioni dei grani di alogenuro d’argento che la compongono.
La grana per l’appunto, riconducibile al rumore nella fotografia digitale.
Ovviamente utilizzare pellicole con basso valore di ASA produrrà un’immagine con maggior dettaglio oltre che con meno grana.

Arriviamo ora alla fotografia Digitale che ha come già abbiamo accennato delle similitudini concettuale con a fotografia analogica.
Nella fotografia digitale, il valore ISO serve a misurare e tarare la sensibilità del sensore. 
Proprio come per la pellicola, un basso valore ISO corrisponderà ad una bassa sensibilità.
Con l’avvento dei sensori le sensibilità ISO sono divenute sempre più estreme ed alte, così come il rumore da esse generate.
Ovviamente valori di 25.000 ISO erano impensabili con la pellicola, ma non sempre sono valori utili e spesso non riescono a restituire una qualità nell’immagine, in quanto il Rumore andrà a ledere buona parte del dettaglio.
Sono vari i disturbi che creano rumore ad alte sensibilità nel digitale: 
radiazioni ultraviolette, basso segnale che arriva al sensore e che dovrà essere amplificato con conseguente rumore, visto che il segnale originario era debole in entrata.
Questi disturbi vanno a contaminare il segnale in uscita del sensore che produrrà più rumore ad alte sensibilità con scarsa condizione di luce.
Proprio come in pellicola il rapporto fra ASA/ISO/DIN e luce può determinare perdita di informazioni e quindi di dettaglio e maggiore rumore o grana.



Quindi il valore dettato dalla sensibilità ISO/ASA/DIN è il valore principale per determinare una fotografia dettagliata e priva di rumore.

Nella fotografia digitale però abbiamo un sensore e non una reazione chimica.

PRIMA RIVELAZIONE SORPRENDENTE :
il segnale che determina il rumore nei casi visti è paritetico ad un segnale di carattere analogico.
Non è cambiato nulla sotto questo aspetto.
Più aumento la sensibilità più il segnale disturbato diviene maggiormente disturbato.



Avete mai sentito il fruscio prodotto da un vinile?

Se alzate il volume il fruscio diviene sempre più evidente.

Ora rapportate questa informazione agli ISO/ASA/DIN e saprete come tarare e cosa e come fotografare, quali opzioni scegliere e saprete comprendere che per ora nulla è cambiato,
malgrado le grandi notizie sensazionalistiche da mille mila ISO della case produttrici.
Qualcosa è migliorato, si ma non cambiato rispetto al passato.



SECONDA RIVELAZIONE SORPRENDENTE :


Esiste un nuovo segnale di disturbo, dovuto alla tecnologia digitale che viene spesso accomunato al Rumore (erroneamente).

HOT PIXEL.
Perchè i disturbi del sensore denominati hot pixel non possono essere accomunati al Rumore?
Perchè questi prima dell’avvento dei sensori non esistevano in pellicola ed abbiamo visto quanto le caratteristiche di Rumore fra pellicola e digitale siano equipollenti.
Gli HOT PIXEL sono determinati in casi di lunga esposizione e non si presentano come grana o rumore ma come puntini colorati, visibili per lo più durante le lunghe esposizioni,
specie quando viene chiesto ad un sensore meno performante di svolgere un lavoro a lui non adatto.
Su una DSLR da 6-8MP, generalmente appaiono intorno ai 20 secondi.

Gli HOT PIXELS quindi sono un prodotto unico della fotografia Digitale e non sono accomunabili al Rumore che è un disturbo di segnale in comune con la fotografia Analogica.

Esistono anche i DEAD PIXEL, ma in quel caso la via dell’assistenza è l’unica, in quanto sono parti di segnale incapaci di fornire un segnale,
se non dei puntini bianchi che sono la traduzione di un pixel morto.
Esistono programmi per ovviare, ma l’assistenza sarebbe la soluzione principale.

Spero di aver dato un contributo positivo alla conoscenza del Rumore ed alle differenze fra rumore ed hot pixel ed ancora, alle congruenze e similitudini fra fotografia analogica e digitale.

Al prossimo articolo.
Un saluto.

(Articolo scritto da Tiziano Toma)




360 Visite

La fotografia non si fa con il cuore: Aiuto il 50mm è diventato un 75mm…Ah no mi sono sbagliato!

Pubblicato il 30,12,2016  - Su Fotografia, Tutorial

Quante volte avete sentito e forse avete pronunciato la fatidica frase: “ Si….quel 50mm montato su un corpo macchina APS-C diventa un 75mm.
Subito dopo si sarà sentito del vento e si sarà visto del fogliame prendere la via del volo…
Un silenzio imbarazzante, imbarazzato e pieno di dubbi rimasti taciuti.

Facciamo chiarezza.

Per farlo indichiamo subito la differenza netta fra Sensori APS-C (Advanced Photo System Classic) e Full frame (35mm).
Già da qui potrete intuire che non voglio parlare di lunghezza focale ma proprio di dimensioni del sensore.
I sensori APS-C hanno una misura pari a  23.6×15.7mm per Nikon DX e 22.2×14.8mm per Canon.
I sensori Full frame sono appunto full frame e quindi misurano 24x36mm, proprio come un fotogramma di una cara vecchia pellicola 35mm.

E quindi?

E quindi non ci sarebbe molto da aggiungere se non che non è vero che la focale per Full Frame cambia se la si monta su un sistema APS-C;
A cambiare è l’angolo di campo e quindi la porzione della scena inquadrata.
Per essere ancor più precisi non cambia nulla, sul full frame vi è un angolo di campo più esteso rispetto al APS-C.

Non ho ancora capito.

Ok allora sicuramente sarà più chiaro questo esempio visivo:
crop

Credo che non vi siano proprio più dubbi, la fotografia è sempre la stessa, l’angolo di campo no, la focale si.
Cogliamo l’occasione di questo articolo per Augurarvi un Felice fine anno ed anziché scrivere Buona Luce come da (stupida) usanza,
credo che sia meglio dire sempre, buono studio e buona progettazione, che solo così si produrranno buone foto. 🙂

(Articolo scritto da Tiziano Toma)

Fotografia in descrizione:
Editoriale per Mint Magazine “Almost White”
Fotografo: Tiziano Toma
Designer and stylist: Pamela Fornari
Model : Valentina D’Aloia
Make-up : Noemi Pasculli
Hair Stylist: Maria Santaniello
Assistants: Alexander Daniel Bolcsak, Jacopo Bongarzoni, Giuseppe Quartarone.

590 Visite

La fotografia non si fa con il cuore: Le nostre fotografie non sono come figli.

Pubblicato il 20,12,2016  - Su Fotografia

Questo articolo sarà senza ombra di dubbio molto personale, quindi opinabile e forse anche un po’ retorico.
Potrete essere d’accordo o meno e trovarlo poco originale, ma sentivo il bisogno di condividere il mio pensiero, riguardo l’atto di stampare le proprie fotografie,
qualunque fotografia si svolga, dalla moda al gattino ed al tramonto.

No, non sto per enunciare alcuna netta distinzione fra analogico e digitale, ne voglio enfatizzare l’emozione che si prova in camera oscura nel veder apparire la propria fotografia.
No, non sto per intraprendere lo spinoso argomento che ci porterebbe a considerare la velocità con la quale si sfornano foto in digitale ed i lenti processi, seppur didattici e mai fini a se stessi, legati alla fotografia analogica.
No, non voglio parlare di carta che ingiallisce e sbiadisce col passare degli anni e nemmeno di codici binari che costringeranno a tralasciare dati con l’avvento di nuove tecnologie.

Voglio semplicemente dire che no, le nostre fotografie non sono come figli.

Cosa vuol dire?

Vuol dire che spesso, troppo spesso, oggi quando si sceglie di rendere pubblica una foto, di farla conoscere al mondo intero, si va incontro inevitabilmente al piacere o meno di chi osserva,
a critiche spesso non valide e talvolta valide e molto, molto spesso, dure e dirette.

Le reazioni del fotografo, diventano protettive non verso il proprio operato in generale, ma verso quella foto scelta fra mille (nel digitale è proprio il caos di dirlo)
e si difende a spada tratta la sua esistenza, proprio come fanno mamma e papà di fronte alle nostre piccole o grandi malefatte.

Ma la stampa cosa c’entra in tutto questo?

Semplice, la stampa sia nel processo in camera oscura, che in digitale, ci fa rendere conto cosa realmente è quella fotografia scelta.
Ci delinea tutti i suoi limiti e molto spesso ridimensiona le nostre ambizioni e ci direziona verso nuovi bisogni di apprendere.
La stampa è tangibile oggi come metro di valutazione e sprono all’autocritica e domani come parametro di paragone e linea di somma, del tempo speso a fotografare.

Non c’è album su facebook, flicker, in una cartella del nostro computer o su 500px che possa farci capire che le nostre fotografie non sono come figli
e che la memoria storica esiste solo grazie a prove tangibili ed indimenticabili.
(Articolo scritto da Tiziano Toma)

 

11

172 Visite

La fotografia non si fa con il cuore: Regole che non rispettano le regole.

Pubblicato il 13,12,2016  - Su Fotografia, Tutorial

Con immenso dispiacere mi ritrovo a dover parlare di composizione.
Perchè dispiacere?
Perchè chi non conosce la composizione, chi non la studia, chi non osserva la composizione è un ignorante cronico e spesso mi ritrovo a dovermi confrontare sui social con ignoranti cronici anche un tantinello aggressivi.

Entriamo subito nel merito.

Chi ha letto i passati articoli o chi già lo sa, conosce la regola dei terzi, le quinte fotografiche ed in generale le regolette di composizione atte a dar si armonia ma anche un messaggio concreto al lettore, il quale sarà facilitato trovandosi davanti una
corretta inquadratura, esposizione ecc.. ecc…
Tutte le fotografie dovrebbe essere utili ad uno scopo, ma non  tutte le fotografie perseguono gli stessi scopi.

Ecco che arrivano i problemi.
Perchè quel piede è tagliato? perchè il braccio è mozzato? perchè la mano non si vede?
Ovviamente questi ci hanno insegnato che sono errori, per farci comprendere come progettare uno scatto corretto, ma nessuno ci ha ancora detto  (forse perchè vi sono corsi di studio di livello un pochino più avanzato) che per comunicare in
determinati contesti vi sono regole che aboliscono altre regole.
No, non tutti sono capaci ad individuare tali contesti, specie se non hanno alcuna cognizione per farlo e non tutti sanno applicare quei tagli in maniera corretta, seguendo appunto delle regole.

Cercherò di essere breve dicendo che:

Se state facendo la foto ricordo a vostra cugina oppure un matrimonio, forse è il caso di attenersi ad altre regole di composizione, ma vi sono casi in cui, specie nella fotografia legata al marketing moda, tagliare a metà le dita crea un disturbo
nell’osservazione, tagliare a metà un ginocchio idem,
ma tagliare sopra le dita e sopra o sotto un ginocchio è corretto e complementare alla regola di inquadratura applicata.
Vi sono casi in cui addirittura questo concetto viene esasperato e se il taglio sulle dita funziona, va bene così.

E’ davvero da ignoranti parlare a sproposito ed ancor più agire di conseguenza.
Quindi la regola migliore di seguire è : Osservare, progettare prima di produrre.

Alcuni esempi per documentare quanto scritto:

 

 

6686c6b09372

FOTOGRAFIA TERRY RICHARDSON

tim-walker-august-2013

FOTOGRAFIA TIM WALKER

kate-moss-by-peter-lindbergh-for-vogue-italia-03-1000x610

FOTOGRAFIA PETER LINDBERGH

d4f8b78e3fbe

FOTOGRAFIA TERRY RICHARDSON

(Articolo scritto da Tiziano Toma)

484 Visite

La fotografia non si fa con il cuore: L’espressione personale attraverso la tecnica

Pubblicato il 9,12,2016  - Su Fotografia

Piccola premessa doverosa.
Non mi è mai risultato che per scrivere un blog si abbia bisogno di una certa notorietà.
Purtroppo scrivere un blog non è per tutti e lo comprendo.
Necessita di tempo, una minima attitudine a studio e ricerca delle tematiche e del loro sviluppo.
La cosa che è per tutti invece è porre la critica in maniera sterile, senza alcuna dimostrazione e senza competenza.

Fine della premessa.

Iniziamo con l’argomento scelto, dove sono certo che ci sia molto su cui dibattere.
L’espressione personale attraverso la tecnica.
Non voglio assolutamente, anche se ce ne sarebbe anche bisogno, iniziare con un’analisi storica, legata all’arte, all’espressione personale e quindi a tutto quel background culturale arrivato fino ad oggi, che ha contribuito ala nascita di nuove
espressioni, di revival artistici e perchè no anche di tutta quella parte astrusa per molti ma invadente, chiamata mercato.

Butto li un sassolino per portarvi ad una riflessione.

Pittori, scultori ecc… ci hanno fatto pervenire dei prodotti privi di tecnica ed assolutamente creati solo perchè quel giorno erano in vena, oppure ci costringono oggi a far le file nei musei sparsi per il globo, per darci la possibilità di osservare
qualcosa, frutto di tecnica, correlata ad una propria espressione personale, guidata da una committente finanziatrice del progetto?

Non voglio rispondere, credo che si capisca dove voglio andare a parare  per questo mi piacerebbe affrontare con voi un discorso aperto, tenendo però bene a mente quel sassolino riflessivo appena lanciato.
Si pensa e troppo spesso oggi si palesa, che la tecnica sia qualcosa che soffochi la possibilità di esprimersi.
Questo concetto però è talmente nuovo e talmente privo di fondamenta che non trova alcun riscontro storico.
La storia invece ci mostra capolavori antichi che sono stati nel tempo finte di ispirazione.
Ci mostra che senza una adeguata tecnica, nessuna ispirazione può divenire reale, perchè nella fase di progettazione mancherebbero le competenze atte ad esprimere in pratica la volontà attuativa.

Insomma, credo proprio e ne ho dimostrazione ogni giorno che la fotografia abbia dei linguaggi, talvolta criptici e talvolta palesi, che comunque vanno imparati e che comunque vanno saputi parlare in maniera da poter comunicare con chi
osserva.Oggi gli osservatori di una foto sono molti di più, grazie alla tecnologia, ma come spesso accade, siamo noi molto più indietro rispetto alle possibilità odierne.

Dunque, perchè non iniziare a capire che non ci si può’ esprimere senza apprendere alcun linguaggio?
Oppure volete davvero essere come le famose tre scimmiette?

 

3-scimmie1

 

(Articolo scritto da Tiziano Toma)

118 Visite

La fotografia non si fa con il cuore: Parliamo di iperfocale.

Pubblicato il 5,12,2016  - Su Fotografia, Tutorial

Spesso si sente dire, specie in ambienti dove la fotografia è trattata come un KG di Arance o di Mele, che “la fotografia si fa con il cuore”.
Posso essere d’accordo, tralasciando discorsi correlati al professionismo, che la fotografia possa essere prodotta con attrezzature varie e dai costi contenuti.
In ambito professionale, tutto sarebbe da rivedere, in quanto per acquisire un tipo di immagine, utile ai fini commerciali, servono gli strumenti adatti.
Precisiamo:
Se dovessi vendere una sfilata non potrei presentarmi con un 35mm ed una reflex non performante per raffiche e buffering adeguato (a meno di strane richieste del committente).
Rapportandoci alla fotografia in generale e togliendo i distinguo di cui sopra, il cuore non basterebbe a produrre una fotografia.
Potrebbe di certo produrre un’immagine ma non una fotografia.
Per questo, in questo blog, ho deciso di accennare degli argomenti basilari, che possano guidare ed incuriosire il lettore a 3 steps successivi:

Conoscere Conoscere e Conoscere.
Oggi quindi voglio incuriosirvi sul concetto di iperfocale.
Cos’è?

Estratto di Definizione (Fonte Wikipedia)
La distanza iperfocale è la distanza oltre la quale tutti gli oggetti sono accettabilmente nitidi (limite anteriore di profondità di campo), quando un obiettivo è messo a fuoco all’infinito e chiuso ad un determinato valore di diaframma.

Ok ma a cosa serve?

Il concetto di iperfocale va correlato a quello di profondità di campo.
La profondità di campo è quel piano risultante a fuoco
assieme al piano della messa a fuoco scelta.
La profondità di campo è variabile a seconda del diaframma, della focale e della distanza della fotocamera al piano di fuoco scelti.
Esiste quindi, per ogni focale e per ogni diaframma, una distanza di messa a fuoco, che amplierà la profondità di campo dall’infinito, a una punto posto all’incirca nella metà della distanza di messa a fuoco.
Tale distanza viene chiamata iperfocale.

Dal piano teorico all’atto pratico, esiste una formula per calcolare l’iperfocale:
Iperfocale = (f2 / D*rmin) + f
f = lunghezza focale
D = apertura e
rmin =  circolo di confusione ( il più piccolo cerchio che l’occhio umano riesce a distinguere ad una determinata distanza).

Sugli obiettivi a focale fissa vengono riportati la scala delle distanze di messa a fuoco ed i  riferimenti che consentono di impostare facilmente la distanza iperfocale.

Esempio di impostazione iperfocale.

Esempio di impostazione iperfocale.

E voi conoscevate il concetto di iperfocale?
Lo ritenete utile?
Approfondirete l’argomento?
Scrivetemelo in un commento a questo articolo.

(Articolo scritto da Tiziano Toma)

781 Visite
Back to Top