La fotografia non si fa con il cuore: Le nostre fotografie non sono come figli.

  by    0  

Questo articolo sarà senza ombra di dubbio molto personale, quindi opinabile e forse anche un po’ retorico.
Potrete essere d’accordo o meno e trovarlo poco originale, ma sentivo il bisogno di condividere il mio pensiero, riguardo l’atto di stampare le proprie fotografie,
qualunque fotografia si svolga, dalla moda al gattino ed al tramonto.

No, non sto per enunciare alcuna netta distinzione fra analogico e digitale, ne voglio enfatizzare l’emozione che si prova in camera oscura nel veder apparire la propria fotografia.
No, non sto per intraprendere lo spinoso argomento che ci porterebbe a considerare la velocità con la quale si sfornano foto in digitale ed i lenti processi, seppur didattici e mai fini a se stessi, legati alla fotografia analogica.
No, non voglio parlare di carta che ingiallisce e sbiadisce col passare degli anni e nemmeno di codici binari che costringeranno a tralasciare dati con l’avvento di nuove tecnologie.

Voglio semplicemente dire che no, le nostre fotografie non sono come figli.

Cosa vuol dire?

Vuol dire che spesso, troppo spesso, oggi quando si sceglie di rendere pubblica una foto, di farla conoscere al mondo intero, si va incontro inevitabilmente al piacere o meno di chi osserva,
a critiche spesso non valide e talvolta valide e molto, molto spesso, dure e dirette.

Le reazioni del fotografo, diventano protettive non verso il proprio operato in generale, ma verso quella foto scelta fra mille (nel digitale è proprio il caos di dirlo)
e si difende a spada tratta la sua esistenza, proprio come fanno mamma e papà di fronte alle nostre piccole o grandi malefatte.

Ma la stampa cosa c’entra in tutto questo?

Semplice, la stampa sia nel processo in camera oscura, che in digitale, ci fa rendere conto cosa realmente è quella fotografia scelta.
Ci delinea tutti i suoi limiti e molto spesso ridimensiona le nostre ambizioni e ci direziona verso nuovi bisogni di apprendere.
La stampa è tangibile oggi come metro di valutazione e sprono all’autocritica e domani come parametro di paragone e linea di somma, del tempo speso a fotografare.

Non c’è album su facebook, flicker, in una cartella del nostro computer o su 500px che possa farci capire che le nostre fotografie non sono come figli
e che la memoria storica esiste solo grazie a prove tangibili ed indimenticabili.
(Articolo scritto da Tiziano Toma)

 

11

156 Visite
Condividi sui social networkShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin

Articoli simili

LA FOTOGRAFIA NON SI FA CON IL CUORE: il ritratto ambientato.

Le regole per comunicare con la Fotografía sono talvolta semplici, a patto che si voglia realmente imparare un linguaggio. Molto spesso scevri di ogni nozione, ci si improvvisa a delineare un racconto in maniera sterile, cercando attraverso l’immagine, un clamore, una sorpresa da parte del lettore, oppure una composizione complessa e forzata, che alimenta confusione […]

Commenta →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to Top