LA FOTOGRAFIA NON SI FA CON IL CUORE: il ritratto ambientato.

  by    0  

Le regole per comunicare con la Fotografía sono talvolta semplici, a patto che si voglia realmente imparare un linguaggio. Molto spesso scevri di ogni nozione, ci si improvvisa a delineare un racconto in maniera sterile, cercando attraverso l’immagine, un clamore, una sorpresa da parte del lettore, oppure una composizione complessa e forzata, che alimenta confusione e non delinea realmente alcuna “frase” di senso compiuto all’interno nella Fotografía prodotta.

Ad esempio la Fotografía documentaria (e prima ancora la pittura) impone spesso, al fine di comunicare, il soggetto al centro, per inserirlo nel contesto, ponendo i due soggetti (esempio modella e location) su un ipotetico unico piano concettuale, sebbene siano poi di fatto posti, su due piani focali diversi. La posa deve essere semplice ed aiutarla a compiere un’azione, attraverso oggetti, può risultare molto spesso, ed in mancanza di padronanza tecnica e linguistica, fuorviante, nelle migliori delle ipotesi. Questo accade anche nella Fotografía di moda oggi, dove addirittura si decontestualizza un soggetto in una semplicissima posa, malgrado sia posto in maniera contestuale alla location. (Esempio: fondale in esterna, soggetto e location, tutti e tre gli elementi vengono ripresi ponendo il soggetto al centro del fondale ed il fondale al centro della location). Senza complicare ulteriormente il discorso, direi di fissare a mente la regola principale per parlare correttamente uno dei linguaggi fotografici: soggetto al centro per contestualizzarlo nell’ambiente, ponendolo in una posa semplice, non includendo e quindi nella fase progettuale, togliendo quanti più elementi di disturbo, che ledono la comunicazione fra la Fotografía ed il suo lettore.

 

29177801_10215283434580391_5807156566120835172_n

(fotografia © Tiziano Toma – vietata la riproduzione anche parziale)

Condividi sui social networkShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to Top