La fotografia non si fa con il cuore: Il fruscio del disco si sente in foto.

  by    0  

Bentornati a tutti dalle feste.
La Befana e Babbo Natale hanno portato tante reflex ai bambini buoni,che speriamo leggeranno anche i manuali d’istruzioni.

Rumore. Oggi parliamo di rumore e voglio partire un po’ da lontano per arrivare al significato di questo concetto ad oggi.

Nella fotografia analogica, dove si usano reazioni chimiche per determinare dei valori utili a produrre una fotografia, abbiamo la misurazione della sensibilità della pellicola
(non essendovi un sensore) o velocità della stessa che dir si voglia, nel rapporto con la luce.
Fotografare con una pellicola a bassa sensibilità richiede (a parità di condizioni), tempi di esposizione maggiori.
In questo caso è corretto parlare di pellicole lente.
Al contrario, pellicole con alte sensibilità necessitano di tempi di esposizione più corti, da qui la dicitura di Pellicole veloci.
Ovviamente questi rapporti e le scelte delle pellicole sono determinate dalle condizioni di illuminazione e dall’utilizzo o meno di flash esterni o su slitta.

Le sensibilità delle pellicole si misurano in ISO / ASA o DIN (in Germania).

Ecco i valori ISO/ASA più comunemente utilizzati nelle pellicole: 50, 100, 125, 160, 200, 400, 800, 1000 e 1600.
Ora cerchiamo di addentrarci nel concetto di Rumore che chiameremo Grana, rivolgendoci alla pellicola.
La pellicola è composta da alogenuro d’argento, un composto chimico (sale) formato dall’argento (Ag) con un alogeno (fluoro, cloro, bromo, iodio).
La formula generale di un alogenuro d’argento è AgX, dove X indica un generico alogeno.
(fonte Wikipedia)

prova-iso

Il concetto importante è che quanto meno sensibile sarà la pellicola ( ASA 50 – 100 – 125 …) tanto meno grande sarà lo spessore e le dimensioni dei grani di alogenuro d’argento che la compongono.
La grana per l’appunto, riconducibile al rumore nella fotografia digitale.
Ovviamente utilizzare pellicole con basso valore di ASA produrrà un’immagine con maggior dettaglio oltre che con meno grana.

Arriviamo ora alla fotografia Digitale che ha come già abbiamo accennato delle similitudini concettuale con a fotografia analogica.
Nella fotografia digitale, il valore ISO serve a misurare e tarare la sensibilità del sensore. 
Proprio come per la pellicola, un basso valore ISO corrisponderà ad una bassa sensibilità.
Con l’avvento dei sensori le sensibilità ISO sono divenute sempre più estreme ed alte, così come il rumore da esse generate.
Ovviamente valori di 25.000 ISO erano impensabili con la pellicola, ma non sempre sono valori utili e spesso non riescono a restituire una qualità nell’immagine, in quanto il Rumore andrà a ledere buona parte del dettaglio.
Sono vari i disturbi che creano rumore ad alte sensibilità nel digitale: 
radiazioni ultraviolette, basso segnale che arriva al sensore e che dovrà essere amplificato con conseguente rumore, visto che il segnale originario era debole in entrata.
Questi disturbi vanno a contaminare il segnale in uscita del sensore che produrrà più rumore ad alte sensibilità con scarsa condizione di luce.
Proprio come in pellicola il rapporto fra ASA/ISO/DIN e luce può determinare perdita di informazioni e quindi di dettaglio e maggiore rumore o grana.



Quindi il valore dettato dalla sensibilità ISO/ASA/DIN è il valore principale per determinare una fotografia dettagliata e priva di rumore.

Nella fotografia digitale però abbiamo un sensore e non una reazione chimica.

PRIMA RIVELAZIONE SORPRENDENTE :
il segnale che determina il rumore nei casi visti è paritetico ad un segnale di carattere analogico.
Non è cambiato nulla sotto questo aspetto.
Più aumento la sensibilità più il segnale disturbato diviene maggiormente disturbato.



Avete mai sentito il fruscio prodotto da un vinile?

Se alzate il volume il fruscio diviene sempre più evidente.

Ora rapportate questa informazione agli ISO/ASA/DIN e saprete come tarare e cosa e come fotografare, quali opzioni scegliere e saprete comprendere che per ora nulla è cambiato,
malgrado le grandi notizie sensazionalistiche da mille mila ISO della case produttrici.
Qualcosa è migliorato, si ma non cambiato rispetto al passato.



SECONDA RIVELAZIONE SORPRENDENTE :


Esiste un nuovo segnale di disturbo, dovuto alla tecnologia digitale che viene spesso accomunato al Rumore (erroneamente).

HOT PIXEL.
Perchè i disturbi del sensore denominati hot pixel non possono essere accomunati al Rumore?
Perchè questi prima dell’avvento dei sensori non esistevano in pellicola ed abbiamo visto quanto le caratteristiche di Rumore fra pellicola e digitale siano equipollenti.
Gli HOT PIXEL sono determinati in casi di lunga esposizione e non si presentano come grana o rumore ma come puntini colorati, visibili per lo più durante le lunghe esposizioni,
specie quando viene chiesto ad un sensore meno performante di svolgere un lavoro a lui non adatto.
Su una DSLR da 6-8MP, generalmente appaiono intorno ai 20 secondi.

Gli HOT PIXELS quindi sono un prodotto unico della fotografia Digitale e non sono accomunabili al Rumore che è un disturbo di segnale in comune con la fotografia Analogica.

Esistono anche i DEAD PIXEL, ma in quel caso la via dell’assistenza è l’unica, in quanto sono parti di segnale incapaci di fornire un segnale,
se non dei puntini bianchi che sono la traduzione di un pixel morto.
Esistono programmi per ovviare, ma l’assistenza sarebbe la soluzione principale.

Spero di aver dato un contributo positivo alla conoscenza del Rumore ed alle differenze fra rumore ed hot pixel ed ancora, alle congruenze e similitudini fra fotografia analogica e digitale.

Al prossimo articolo.
Un saluto.

(Articolo scritto da Tiziano Toma)




332 Visite
Condividi sui social networkShare on Facebook
Facebook
Share on Google+
Google+
Tweet about this on Twitter
Twitter
Pin on Pinterest
Pinterest
Share on LinkedIn
Linkedin

Articoli simili

LA FOTOGRAFIA NON SI FA CON IL CUORE: il ritratto ambientato.

Le regole per comunicare con la Fotografía sono talvolta semplici, a patto che si voglia realmente imparare un linguaggio. Molto spesso scevri di ogni nozione, ci si improvvisa a delineare un racconto in maniera sterile, cercando attraverso l’immagine, un clamore, una sorpresa da parte del lettore, oppure una composizione complessa e forzata, che alimenta confusione […]

Commenta →

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to Top