Archive : Month

La fotografia non si fa con il cuore: Aiuto il 50mm è diventato un 75mm…Ah no mi sono sbagliato!

Pubblicato il 30,12,2016  - Su Fotografia, Tutorial

Quante volte avete sentito e forse avete pronunciato la fatidica frase: “ Si….quel 50mm montato su un corpo macchina APS-C diventa un 75mm.
Subito dopo si sarà sentito del vento e si sarà visto del fogliame prendere la via del volo…
Un silenzio imbarazzante, imbarazzato e pieno di dubbi rimasti taciuti.

Facciamo chiarezza.

Per farlo indichiamo subito la differenza netta fra Sensori APS-C (Advanced Photo System Classic) e Full frame (35mm).
Già da qui potrete intuire che non voglio parlare di lunghezza focale ma proprio di dimensioni del sensore.
I sensori APS-C hanno una misura pari a  23.6×15.7mm per Nikon DX e 22.2×14.8mm per Canon.
I sensori Full frame sono appunto full frame e quindi misurano 24x36mm, proprio come un fotogramma di una cara vecchia pellicola 35mm.

E quindi?

E quindi non ci sarebbe molto da aggiungere se non che non è vero che la focale per Full Frame cambia se la si monta su un sistema APS-C;
A cambiare è l’angolo di campo e quindi la porzione della scena inquadrata.
Per essere ancor più precisi non cambia nulla, sul full frame vi è un angolo di campo più esteso rispetto al APS-C.

Non ho ancora capito.

Ok allora sicuramente sarà più chiaro questo esempio visivo:
crop

Credo che non vi siano proprio più dubbi, la fotografia è sempre la stessa, l’angolo di campo no, la focale si.
Cogliamo l’occasione di questo articolo per Augurarvi un Felice fine anno ed anziché scrivere Buona Luce come da (stupida) usanza,
credo che sia meglio dire sempre, buono studio e buona progettazione, che solo così si produrranno buone foto. 🙂

(Articolo scritto da Tiziano Toma)

Fotografia in descrizione:
Editoriale per Mint Magazine “Almost White”
Fotografo: Tiziano Toma
Designer and stylist: Pamela Fornari
Model : Valentina D’Aloia
Make-up : Noemi Pasculli
Hair Stylist: Maria Santaniello
Assistants: Alexander Daniel Bolcsak, Jacopo Bongarzoni, Giuseppe Quartarone.

569 Visite

La fotografia non si fa con il cuore: Le nostre fotografie non sono come figli.

Pubblicato il 20,12,2016  - Su Fotografia

Questo articolo sarà senza ombra di dubbio molto personale, quindi opinabile e forse anche un po’ retorico.
Potrete essere d’accordo o meno e trovarlo poco originale, ma sentivo il bisogno di condividere il mio pensiero, riguardo l’atto di stampare le proprie fotografie,
qualunque fotografia si svolga, dalla moda al gattino ed al tramonto.

No, non sto per enunciare alcuna netta distinzione fra analogico e digitale, ne voglio enfatizzare l’emozione che si prova in camera oscura nel veder apparire la propria fotografia.
No, non sto per intraprendere lo spinoso argomento che ci porterebbe a considerare la velocità con la quale si sfornano foto in digitale ed i lenti processi, seppur didattici e mai fini a se stessi, legati alla fotografia analogica.
No, non voglio parlare di carta che ingiallisce e sbiadisce col passare degli anni e nemmeno di codici binari che costringeranno a tralasciare dati con l’avvento di nuove tecnologie.

Voglio semplicemente dire che no, le nostre fotografie non sono come figli.

Cosa vuol dire?

Vuol dire che spesso, troppo spesso, oggi quando si sceglie di rendere pubblica una foto, di farla conoscere al mondo intero, si va incontro inevitabilmente al piacere o meno di chi osserva,
a critiche spesso non valide e talvolta valide e molto, molto spesso, dure e dirette.

Le reazioni del fotografo, diventano protettive non verso il proprio operato in generale, ma verso quella foto scelta fra mille (nel digitale è proprio il caos di dirlo)
e si difende a spada tratta la sua esistenza, proprio come fanno mamma e papà di fronte alle nostre piccole o grandi malefatte.

Ma la stampa cosa c’entra in tutto questo?

Semplice, la stampa sia nel processo in camera oscura, che in digitale, ci fa rendere conto cosa realmente è quella fotografia scelta.
Ci delinea tutti i suoi limiti e molto spesso ridimensiona le nostre ambizioni e ci direziona verso nuovi bisogni di apprendere.
La stampa è tangibile oggi come metro di valutazione e sprono all’autocritica e domani come parametro di paragone e linea di somma, del tempo speso a fotografare.

Non c’è album su facebook, flicker, in una cartella del nostro computer o su 500px che possa farci capire che le nostre fotografie non sono come figli
e che la memoria storica esiste solo grazie a prove tangibili ed indimenticabili.
(Articolo scritto da Tiziano Toma)

 

11

147 Visite

TRUFFE SU ACQUISTO REFLEX ONLINE. Fate attenzione!

Pubblicato il 15,12,2016  - Su Fotografia

Si parla oggi, di truffa online. Realmente accaduta, (screenshoot reali).
Purtroppo, le ultime statistiche segnalano che questo tipo di truffe hanno avuto un aumento vertiginoso negli ultimi tempi, in quanto sempre più persone, loro malgrado, si ritrovano vittime di inganni attraverso la compravendita di materiale fotografico dall’estero.
Internet offre il grande vantaggio di poter rimanere anonimi, attraverso l’utilizzo di account falsi, spesso collegati a documenti inventati o realizzati attraverso programmi di postproduzione grafica.
Attualmente non esiste una difesa significativa dalle truffe online, persino la denuncia alla polizia è praticamente irrilevante, l’unica arma in mano all’acquirente è il buonsenso e la prevenzione.

L’esempio mostrato, dimostra come si innesta un meccanismo di truffa online, legato alla vendita di un corpo macchina (reflex nikon).

subito

In breve, dopo qualche giorno dalla pubblicazione dell’annuncio, (siti mercatino, non aste online) si propongono svariati acquirenti, alcuni insolitamente convinti dell’offerta, senza voler nemmeno testare o prendere visione del macchinario in vendita.
Solitamente questi falsi acquirenti dichiarano di vivere all’estero, in paesi che non hanno nulla a che fare con il nostro, ma parlano tutti discretamente italiano.
Il primo segnale di allarme è esattamente questo, l’interesse (senza trattativa alcuna sul prezzo esposto e senza aver provato e testato la reflex usata) incondizionato verso ciò che il venditore offre. Nessuno comprerebbe mai una automobile senza averla prima guidata, specialemente se si parla di auto usata.
L’email che giunge al venditore è decisamente convincente:

bonifico-finto3

allegano alla mail perfino un documento di identità della persona interessata, ovviamente di un paese estero, la quale per motivi ignoti non si trova nel paese di origine, in questo specifico caso, Francia con spostamento in Marocco.
Si comunica con email di risposta all’acquirente la coordinata bancaria, con relativo iban per ricevere il bonifico per la somma richiesta.
Arriva puntuale il giorno seguente, la distinta di un bonifico (falsa e realizzata con mezzi grafici di fortuna…) effettuato dal Marocco verso la nostra banca, dove si possono notare incongruenze sul prezzo, causa ipotetiche tasse. L’email risulta spedita direttamente dalla banca o istituto di credito di Casablanca, direttamente al venditore.
Secondo, chiarissimo, segnale di allarme: la mail dalla quale arriva il bonifico è un account gmail, non è un dominio dell’istituto bancario, (es: bouba.karim@banquecasablanca.com).

bonifico-finto2

In allegato, si trova la seguente distinta:

bonifico-marocco-finto

terzo segnale di allarme, la distinta è palesemente realizzata con un programma grafico, lo si nota perfettamente dai timbri e dal font calligrafico utilizzato nella scrittura di esso. Inoltre i timbri usati (SIAMO IN MAROCCO) sono con diciture italiane, errore davvero grossolano.

Inizia qui, la parte peggiore della truffa: l’acquirente contatta il venditore, scrivendo che un corriere Fedex Express verrà a ritirare il pacco, e chiede un bonifico presso il proprio conto corrente, per la differenza che è stata versata sul conto del venditore, visto che il venditore ha ricevuto (crede di aver ricevuto) un bonifico con 1.200,00 euro, anziché 980,00.
Il venditore effettua il bonifico di 220,00 euro, ritrovandosi senza reflex e senza denaro, avendo perso inoltre 220,00 euro.
La medesima truffa viene spesso realizzata anche con assegno bancario, spedito per una somma maggiore rispetto alla cifra concordata, poco dopo viene richiesto tramite bonifico il rimborso spese per la differenza. Attenzione, la medesima truffa, esiste anche con assegno bancario, ovviamente con importo maggiore rispetto a quello concordato, dove poi verrà richiesto il rimborso delle tasse attraverso bonifico.
Il rimborso tasse, viene richiesto attraverso una telefonata, da un cellulare con sim del Marocco:

falso-online

Al telefono si presenta una persona, che vi chiede il rimborso spese, dicendo di chiamare direttamente dal Marocco.
Parlano bene italiano e alla risposta del venditore “la distinta del bonifico è falsa” l’interlocutore si limita a banali insulti in perfetto italiano.
Spesso arrivano anche email di insulti, legate all’indirizzo email dell’acquirente con il quale il venditore ha parlato la prima volta:

bastado

in questo caso, si può ignorare definitivamente l’acquirente.

Il pagamento con assegno, andrebbe fatto controllare alla banca di competenza, prima di essere versato, verificando effettivamente la disponibilità e la validità del titolo. Dopo aver controllato, è possibile effettuare un versamento più sicuro.
Nel caso si tratti di un bonifico, non ci sono tasse da versare per l’accredito, al massimo se ci sono commissioni o altri costi, questi vi verranno direttamente addebitati sulla cifra, una volta depositata, ma mai prima.

Durante una trattativa per un corpo macchina (reflex) oppure per un obiettivo, è possibile richiedere il codice NITAL CARD al venditore, così facendo è possibile far verificare il codice matricola ad un centro riparazioni specializzato, chiedendo di controllare se la matricola risulta rubata oppure no.
Acquistando una reflex o un obiettivo, proveniente da un furto o ancor peggio rapina, in caso di malfunzionamento, il centro riparazioni è costretto a trattenere il vostro oggetto, in quanto il vero proprietario (vittima di furto o rapina) ne ha denunciato la scomparsa. Nel peggiore dei casi, si corre il rischio di essere contattati dai Carabinieri o dalla Polizia locale con accusa di “incauto acquisto” o ancor peggio “ricettazione“.
Vale sempre la pena, effettuare compravendite di oggetti online con il massimo controllo e la miglior cura possibile.

Articolo scritto da: Jacopo Bongarzoni (CREOART)

1.263 Visite

La fotografia non si fa con il cuore: Regole che non rispettano le regole.

Pubblicato il 13,12,2016  - Su Fotografia, Tutorial

Con immenso dispiacere mi ritrovo a dover parlare di composizione.
Perchè dispiacere?
Perchè chi non conosce la composizione, chi non la studia, chi non osserva la composizione è un ignorante cronico e spesso mi ritrovo a dovermi confrontare sui social con ignoranti cronici anche un tantinello aggressivi.

Entriamo subito nel merito.

Chi ha letto i passati articoli o chi già lo sa, conosce la regola dei terzi, le quinte fotografiche ed in generale le regolette di composizione atte a dar si armonia ma anche un messaggio concreto al lettore, il quale sarà facilitato trovandosi davanti una
corretta inquadratura, esposizione ecc.. ecc…
Tutte le fotografie dovrebbe essere utili ad uno scopo, ma non  tutte le fotografie perseguono gli stessi scopi.

Ecco che arrivano i problemi.
Perchè quel piede è tagliato? perchè il braccio è mozzato? perchè la mano non si vede?
Ovviamente questi ci hanno insegnato che sono errori, per farci comprendere come progettare uno scatto corretto, ma nessuno ci ha ancora detto  (forse perchè vi sono corsi di studio di livello un pochino più avanzato) che per comunicare in
determinati contesti vi sono regole che aboliscono altre regole.
No, non tutti sono capaci ad individuare tali contesti, specie se non hanno alcuna cognizione per farlo e non tutti sanno applicare quei tagli in maniera corretta, seguendo appunto delle regole.

Cercherò di essere breve dicendo che:

Se state facendo la foto ricordo a vostra cugina oppure un matrimonio, forse è il caso di attenersi ad altre regole di composizione, ma vi sono casi in cui, specie nella fotografia legata al marketing moda, tagliare a metà le dita crea un disturbo
nell’osservazione, tagliare a metà un ginocchio idem,
ma tagliare sopra le dita e sopra o sotto un ginocchio è corretto e complementare alla regola di inquadratura applicata.
Vi sono casi in cui addirittura questo concetto viene esasperato e se il taglio sulle dita funziona, va bene così.

E’ davvero da ignoranti parlare a sproposito ed ancor più agire di conseguenza.
Quindi la regola migliore di seguire è : Osservare, progettare prima di produrre.

Alcuni esempi per documentare quanto scritto:

 

 

6686c6b09372

FOTOGRAFIA TERRY RICHARDSON

tim-walker-august-2013

FOTOGRAFIA TIM WALKER

kate-moss-by-peter-lindbergh-for-vogue-italia-03-1000x610

FOTOGRAFIA PETER LINDBERGH

d4f8b78e3fbe

FOTOGRAFIA TERRY RICHARDSON

(Articolo scritto da Tiziano Toma)

446 Visite

Studiamo insieme… La compressione delle masse nella fotografia di ritratto.

Pubblicato il 12,12,2016  - Su Fotografia

La fotografia di ritratto è sempre oggetto di moltissime discussioni, le maggiori delle quali sono errate o frutto di poca informazione. Si parla spesso di “ottiche per il ritratto” citando il più delle volte ottiche non conformi al fine desiderato. Per realizzare un buon ritratto si parte dallo studio delle prospettive, per arrivare ad eliminare tutti gli errori e spesso i preconcetti, legati all’uso delle ottiche.
Si inizia quindi dalla compressione fotografica, con questo termine si potrebbe supporre qualcosa di assurdo e di complicato, nulla di tutto questo in realtà, si parla di un concetto base per chiunque scelga di avvicinarsi alla fotografia.

Per poter parlare di compressione fotografica, bisogna conoscere il concetto di prospettiva e di distorsione prospettica, a molti non chiaro. Di seguito, una breve descrizione:

“La distorsione prospettica o deformazione prospettica indica qualunque variazione della prospettiva, rispetto a quella della visione ad occhio nudo.”

In questo caso, ovviamente si parla di fotografia, quindi bisogna”eliminare” tutti i concetti sulla prospettiva a noi noti in altre materie, come geometria o architettura, questo avviene perchè il termine prospettiva usato in architettura, in geometria e in disegno tecnico, generalmente sottointende la visione ad occhio nudo come unica o fondamentale “visione del mondo”, in fotografia o nel cinema, dov’è possibile cambiarla modificando la focale o l’angolo di ripresa, risulta più facile utilizzare il termine distorsione prospettica. Si parla, quindi, di prospettiva e di relativa distorsione prospettica in fotografia, dove non è l’occhio nudo l’unica forma di ripresa e di visione del soggetto fotografato, ma tutto dipende direttamente dal tipo di ottica che decidiamo di montare sui corpi macchina.
Tutto questo ovviamente è indiscutibile e non opinabile, in quanto si parla di “matematica” delle ottiche, valido e senza cambiamenti anche per la fotografia analogica.

Dopo aver chiaro il concetto di prospettiva, cerchiamo di capire bene il perchè è preferibile realizzare un ritratto con un teleobiettivo e non con un grandangolo:

focale-ritratto

L’esempio sopra riportato (vedi immagine) è fin troppo chiaro, e dovrebbe essere sufficiente a “tagliarvi la mano” ogni qualvolta vi salti in mente di realizzare un ritratto ravvicinato ad un soggetto, senza aver montato sulla reflex almeno un 85mm fisso, oppure un teleobiettivo che arrivi almeno fino ai 105 mm.
La distanza ravvicinata al soggetto, come si può osservare, produce una distorsione (non bella) in fotografia, rispetto a ciò che invece si può vedere ad occhio nudo.
La teoria ci insegna che:
si può evitare tale distorsione, fotografando il medesimo soggetto da una distanza notevolmente maggiore, usando sempre un’ottica grandangolare, ottenendo un’immagine di campo molto più estesa ovviamente, ma ritagliando (crop in postproduzione) l’area centrale del ritratto, avremo un risultato quasi identico a quello fotografato con un teleobiettivo. Il grandangolo, riempiendo tutto il fotogramma con la scena ripresa, crea una distorsione, quindi ritagliando la parte centrale di una ripresa grandangolare (ovviamente effettuata da dovuta distanza) si può rimediare alla distorsione (solo sul crop, attenzione!) generata dalla distanza di scatto dal soggetto.
Ovviamente, si può selezionare soltanto la parte centrale del crop, quella dove la distorsione è in assoluto più attenuata o assente, nonostante tutto, gli elementi in fotografia (anche croppando molto) fatta con grandangolare, non si avvicinano tra loro, non c’è riduzione nei piani. 
Si va, certamente, incontro a problemi come la profondità di campo, il rimpicciolimento del file, il rumore e la nitidezza. In questo caso, tanti fotografi cadono in errore, vediamo il motivo…
Il crop non cambia assolutamente la lunghezza focale di una lente, nè può cambiare la curvatura della lente o la distanza interlente interna, ma esclusivamente la distanza del piano focale raccolto, quindi angolo focale.
Esempio: un 24-70 mm, montato su corpo formato 4/3 (Il sistema Quattro Terzi (Four Thirds) è uno standard fotografico presentato nel 2002 e sviluppato da Olympus e Kodak per applicazioni nel campo della fotografia digitale) è l’equivalente di un 140-200 mm montato su una reflex FX, ma si parla di angolo focale e non di lunghezza focale. Spesso i fotografi cadono in errore parlando del crop, credendo che cambi la focale, assolutamente no, in realtà cambia solamente l’angolo visivo.

La distorsione prospettica è matematicamente legata anche alla forma della lente, maggiore è la curvatura e maggiore è la distorsione della prospettiva, tutto questo è ben dimostrabile scattando foto con un grandangolo ad oggetti ravvicinati alla lente, successivamente si può fare la stessa prova con ottica normale e poi tele.

barattoli

Visto cosa accade in foto? Non è un ritocco grafico ne un miracolo di photoshop, è semplicemente la compressione dei piani. Il teleobiettivo ha un angolo di campo notevolmente più ridotto rispetto a un’ottica normale o grandangolare, quindi “ritaglia” una parte di sfondo, lasciando il soggetto al centro di dimensioni identiche, facendolo sembrare però più grande e molto più vicino.

Parlando di crop, spesso sentiamo dire che si vada incontro alla perdita di profondità di campo: errore!
Con il crop su corpo FX tutto questo non accade;
Una lente FX crea un cono di proiezione fx su un sensore fx, con quella specifica profondità di campo, se si decide l’utilizzo di un sensore più grande o più piccolo, il risultato rimarrà invariato, non può alterare quello che la lente proietta sul sensore.
Spesso si sente parlare di ottica 50 mm, uguale all’occhio umano. Perchè?
Bisogna definire correttamente la cosa:
si immagini di fotografare con un occhio sulla reflex fx (con montato il 50mm) e con un occhio fuori dal mirino, guardando la medesima scena, in quel caso si avrà la stessa distorsione prospettica dell’occhio umano.
Esistono ottiche osannate dai fotoamatori, come l’85 mm f1.8 (per i più esigenti f1.4), gruppo ottico noto per avere un controllo maggiore nella correzione delle distorsioni, schiacciando leggermente le forme e esaltandone la morbidezza, grazie alla grande apertura del diaframma, regalando anche sfondi con bokeh notevoli.
Esame del ritratto:

Nikon D700 con Nikkor 85 mm f1.8

da notare l’incredibile nitidezza e morbidezza offerta dalla combinazione corpo FX + 85 mm usato a f1.8, lo scatto è naturalmente privo di crop e di ritagli. Il Bokeh è quasi eccessivo, lo sfondo in questo caso è diventato una componente quasi del tutto irrilevante nello scatto. Invece, difetto da non sottovalutare, lo schiacciamento o compressione della massa è troppo basso, si inizia a percepire la mano e il polso, quasi come elementi di disturbo, in quanto risultano su un piano diverso dal viso.
Esaminiamo adesso, un ritratto, eseguito a 200 mm con teleobiettivo 70-200 mm f2.8.

Nikon D700 + Nikkor 70-200 mm f2.8

Qui si inizia a notare come la compressione delle masse sia una delle componenti fondamentali di tale tipologia di ritratto. Le ginocchia (messe ben davanti al viso) e la spalla dx (un piano dietro) risultano schiacciate in un piano unico, uniforme e molto più “armonioso” nell’immagine. La messa a fuoco a f2.8 regala comunque una morbidezza generale all’immagine, senza perdita eccessiva di dettaglio.

In un dettaglio di primo piano per esempio, scattando con un teleobiettivo, anche i lineamenti e le forme del viso vengono compresse, quindi risultano molto più armoniose, la compressione delle masse aiuta a ridurre i difetti della morfologia del viso. Esempio di scatto a 200 mm di un dettaglio di primo piano, no crop:

nikon f2.8 200 mm

non si parla soltanto di ritratto. Nella fotografia di paesaggio, l’uso del teleobiettivo, rende ancor più chiaro quanto già spiegato in precedenza. Foto sotto:

compressione1

visto? Le montagne anche se distanti centinaia di metri tra loro, risultano essere molto vicine, sembrano quasi “attaccate”, illusione ottica, data dalla compressione delle masse per l’uso della focale oltre 200 mm.

Attenzione, non si cerca di esaltare un’ottica e di sminuirne un’altra.
Il passaggio da un’ottica tele a una normale o grandangolare, non dev’essere finalizzata ad avere un angolo visivo più ampio, semplicemente dovrebbe essere utilizzata per esaltare un determinato spazio o una prospettiva. 

Un metodo di misurazione straordinariamente semplice è il seguente:
– Fotografiamo per dilatare le prospettive: USIAMO OTTICHE GRANDANGOLARI
– Fotografiamo per vedere ciò che vediamo nella realtà: USIAMO OTTICHE NORMALI (50 mm fisso)
– Fotografiamo per schiacciare o comprimere la massa e le prospettive: USIAMO I TELEOBIETTIVI

Ora siete davvero a conoscenza della compressione delle masse o compressione dei piani, chiamatela come preferite. Ricordatevi l’ultima regola, valida per l’uso di qualsiasi ottica:

“Il livello di compressione delle masse aumenta con l’aumentare della lunghezza focale.”

Per approfondimenti, non perdete i nostri WorkShop e i nostri Corsi di Fotografia individuali.

 

Articolo scritto da Jacopo Bongarzoni

621 Visite

La fotografia non si fa con il cuore: L’espressione personale attraverso la tecnica

Pubblicato il 9,12,2016  - Su Fotografia

Piccola premessa doverosa.
Non mi è mai risultato che per scrivere un blog si abbia bisogno di una certa notorietà.
Purtroppo scrivere un blog non è per tutti e lo comprendo.
Necessita di tempo, una minima attitudine a studio e ricerca delle tematiche e del loro sviluppo.
La cosa che è per tutti invece è porre la critica in maniera sterile, senza alcuna dimostrazione e senza competenza.

Fine della premessa.

Iniziamo con l’argomento scelto, dove sono certo che ci sia molto su cui dibattere.
L’espressione personale attraverso la tecnica.
Non voglio assolutamente, anche se ce ne sarebbe anche bisogno, iniziare con un’analisi storica, legata all’arte, all’espressione personale e quindi a tutto quel background culturale arrivato fino ad oggi, che ha contribuito ala nascita di nuove
espressioni, di revival artistici e perchè no anche di tutta quella parte astrusa per molti ma invadente, chiamata mercato.

Butto li un sassolino per portarvi ad una riflessione.

Pittori, scultori ecc… ci hanno fatto pervenire dei prodotti privi di tecnica ed assolutamente creati solo perchè quel giorno erano in vena, oppure ci costringono oggi a far le file nei musei sparsi per il globo, per darci la possibilità di osservare
qualcosa, frutto di tecnica, correlata ad una propria espressione personale, guidata da una committente finanziatrice del progetto?

Non voglio rispondere, credo che si capisca dove voglio andare a parare  per questo mi piacerebbe affrontare con voi un discorso aperto, tenendo però bene a mente quel sassolino riflessivo appena lanciato.
Si pensa e troppo spesso oggi si palesa, che la tecnica sia qualcosa che soffochi la possibilità di esprimersi.
Questo concetto però è talmente nuovo e talmente privo di fondamenta che non trova alcun riscontro storico.
La storia invece ci mostra capolavori antichi che sono stati nel tempo finte di ispirazione.
Ci mostra che senza una adeguata tecnica, nessuna ispirazione può divenire reale, perchè nella fase di progettazione mancherebbero le competenze atte ad esprimere in pratica la volontà attuativa.

Insomma, credo proprio e ne ho dimostrazione ogni giorno che la fotografia abbia dei linguaggi, talvolta criptici e talvolta palesi, che comunque vanno imparati e che comunque vanno saputi parlare in maniera da poter comunicare con chi
osserva.Oggi gli osservatori di una foto sono molti di più, grazie alla tecnologia, ma come spesso accade, siamo noi molto più indietro rispetto alle possibilità odierne.

Dunque, perchè non iniziare a capire che non ci si può’ esprimere senza apprendere alcun linguaggio?
Oppure volete davvero essere come le famose tre scimmiette?

 

3-scimmie1

 

(Articolo scritto da Tiziano Toma)

95 Visite

La fotografia non si fa con il cuore: L’armata Brancaleone della fotografia.

Pubblicato il 8,12,2016  - Su Fotografia

Non so se tutti conoscete il capolavoro in celluloide del Maestro Monicelli, capace di descrivere, dando seppur in un contesto comico, un carattere cruento e realista al periodo Medioevale,
nuova linfa creativa alle narrazioni future.
Monicelli descrisse l’Italia come famelica, pezzente, meschina ed infingarda.
Ecco un piccolo ritratto odierno di tutto quel movimento neo trash che abita e troppo spesso coabita con la buona fotografia nostrana.

Come al solito, mi spiego meglio.
Perchè coabita? Cosa voglio dire? Cosa sto sottendendo?

Siamo nell’era digitale. Tutto è più veloce e tutto è alla portata di chiunque. Un fotografo affermato spesso si piega alle logiche comunicative del momento
e si trova a dover rispondere, inveire, parlare e spesso confrontarsi con tutta un sottobosco
di “funghi velenosi”, talvolta avulsi anche dal contesto.

Si è vero, c’è tanto di buono in questo per chi voglia apprendere, ascoltare ed osservare, ma tirando le somme c’è anche tanto di tristemente nichilista,
nel dover leggere risposte intelligenti a domande da mentecatti.

L’armata Brancaleone della fotografia è in cammino da anni, perde pezzi e ne acquista di nuovi, ognuno con la sua specifica funzione:
Organizzatore improvvisato, modella improvvisata pronta a mostrare e mostrarsi per due spiccioli, “fotografi”
costretti a ritrarre culi scarabocchiati pur di far parlare di se e così via….

In un certo senso ci sono delle assonanze con l’armata descritta da Monicelli;
mi sembra di rivedervi il Brancaleone da Norcia, Panigotto, Berta d’Avignone, Thorz, Pantaleo, Tiburzia….

Certo è che, non si intravede ancora Gigi Proietti, la morte personificata, per dar pace eterna a questa stantia parodia fotografica…ma sono sicuro che arriverà.

osg7yqiq6vflo1otkyleygwcn3l-copy

(Articolo scritto da Tiziano Toma)

171 Visite

La fotografia non si fa con il cuore: Tempo al tempo.

Pubblicato il 7,12,2016  - Su Fotografia

Oggi avrei voluto parlare di altro, ma visti i vostri commenti  sul blog e sui social all’articolo di ieri, quello di oggi è un passaggio obbligato, un po come il passa dal via e ritira i soldini.
Non sono qui per dare scusanti a me stesso oppure ad altri ma è doveroso cronacare anche un fattore ieri taciuto, per il quale, la corretta applicazione della regola fotografica, diviene cosa ostica, complessa e spesso fonte di disagio.
Il tempo.
No… non sto parlando del tempo di “ ho impostato il tempo, poi diaframma….”, parlo del tempo, anzi IL TEMPO, quello che suddividiamo in 24 ore, per capirci meglio.
Guadagnare del tempo per far qualcosa, per occupare quel tempo guadagnato, è sempre una cosa fantastica.
“Ho finito i compiti prima, posso giocare a pallone mezz’ora in più!”
Guadagnarsi del tempo però non è sempre cosa facile e spesso l’impressione che per farlo, bisogna sacrificare prima del tempo da togliere ad altro, si tramuta in dato di fatto.
Mi spiego con una domanda:
Come posso inquadrare correttamente un soggetto se non so farlo?
Risposta: “A culo”.
Risposta alternativa: “Studiando”
Risposta corretta: “Studiando e prendendomi altro tempo per studiare come applicare le regole dello studio.”

Ecco dove batte la lingua. Sul tempo!
Per qualcuno il tempo di studio è importante, poi però viene legato da se stesso o da altri ai tempi di realizzazione, che spesso non permettono il ragionamento.
Ed allora come si fa? Domanda errata!
Il problema del tempo in realtà è un problema secondario e talvolta non è nemmeno un problema. Si, vi sto dicendo delle cazzate per confondervi. No dai scherzo! XD
Di nuovo un esempio:
Devo fare le foto ad un matrimonio ed è la prima volta.
Con quali tempi devo operare? Con il flash o senza? Quand’è il momento in cui si scambiano l’anello? Da che parte è meglio stare?

Questo povero…povero essere umano dell’esempio, sarà una persona senza tempo.
Non ha alcuna esperienza e si prende il rischio di fotografare un matrimonio (in cambio di una cena magari), perchè il suo amico che si sposa gli ha detto: “ Tranquillo come vengono vengono, non voglio spendere per le foto “.
Caro amico Esempio, ti assicuro che le amicizie finiscono per molto meno.

Torniamo a noi.
Se siete agli inizi, se non avete sicurezze, se dovete affrontare argomenti fotografici trasposti in realtà, di cui avete solo sentito parlare, vi servirebbe del tempo che non avrete in quel contesto.
Prendendovi del tempo prima, molto prima, non vi servirà altro tempo in quel contesto e potrete svolgere il vostro compito quando sarà giusto farlo. (Quindi per ora vai al matrimonio come invitato.)
In un servizio fotografico si possono fare un determinato numero di scatti, ma sapere quando lo scatto utile si ha è la traduzione del tempo speso prima e guadagnato poi.
Questo concetto per molti è poco chiaro e si vede.
La fotografia digitale in questi casi non vi sarà d’aiuto.
Spesso non c’è nemmeno il tempo di alzare lo sguardo verso un monitor… figuriamoci capire se la foto è corretta o meno.

Buon Tempo a tutti voi.
(Articolo scritto da Tiziano Toma)

_dsc0047s

“Il tempo” Alice S/S 2016 Pamela Fornari Couture Tiziano Toma Photo Fabiola Valentini Model Noemi Pasculli Makeup/Hair Styling Assistant : Jacopo Bongarzoni – Giulia Benassai – Michele Giametta – Giuseppe Quartarone

128 Visite

La fotografia non si fa con il cuore: Parliamo di Critica e Regola dei terzi.

Pubblicato il 6,12,2016  - Su Fotografia, Tutorial

Il soggetto è troppo centrale.
Il soggetto non è posizionato nella regola dei terzi.
Spesso ci si avvita in piroette, salti mortali e doppi carpiati
per cercar di criticare l’operato altrui, senza possedere una minima cognizione di ciò che si dice.
Premesso che non ho mai visto alcuna ricetta medica, prescrivere discorsi logorroici privi di senso, almeno 3 volte giorno (ma non faccio il medico eh), direi che se ti occupi di tubi, acqua e scarichi, sarebbe meglio lasciar parlare chi ha uno studio
ed esperienza comprovata alle spalle.

Ora, cerchiamo di mettere ordine e di comprendere qualcosa riguardo le regole fotografiche.
Nello specifico parliamo di regola dei terzi.
Per prima cosa sottolineiamo che per fare fotografia, queste regole che sembrano semplici, non basta saperle, non basta conoscerne l’esistenza, servirebbe anche saperle applicare.

Che cos’è la regola dei terzi?

Facciamola semplice, senza troppi giri di parole.
Consiste nel posizionare soggetti primari (ma anche secondari se il senso estetico lo ritiene corretto) su delle ipotetiche linee che dividono l’immagine in 9 parti di egual misura.

Fin qui’ tutto semplice, ma allora perchè appare così ostico e difficile da comprendere, che per imparare ad inquadrare correttamente, agli inizi, per poi solo dopo saper e poter valutare se è il caso di applicare la regola, è importante allenarsi in tal
senso e capire se si ha una predisposizione alla fotografia o meno?

La scusa del non farlo, perchè si è agli inizi non regge ed è una scusa appunto, anche alquanto puerile, un po’ come il bimbo con la bocca sporca di cioccolata che dice alla mamma piangendo che no, non è stato lui a mangiarla.

Si vedono schiere e schiere di fotografi, foto amatori, neo professionisti dell’immagine ma anche i famosi “ Lei non sa chi sono io, io fotografo da 30 anni…” che ignorano bellamente quella suddivisione dello schermo o del mirino  così fastidiosa,
che è meglio posizionare l’orizzonte al centro del quadro, così gli do’ più importanza!

Insomma, il messaggio di oggi è sempre lo stesso anche se trattiamo un’argomento diverso:
Impariamo a dare importanza al senso estetico di una fotografia per vari motivi:

  • Per rispettare la fotografia.
  • Per far seriamente fotografia.
  • Per produrre fotografia e non immagini.
  • Per avere cognizione di causa quando si digita o si parla.
  • Per non essere identificati come il “Salvini” della fotografia.
  • Per capire se forse è il caso di comprare quel bel tavolo da ping-pong ed investire il proprio tempo in quello.
  • Per non far sanguinare gli occhi altrui.
  • Per tralasciare firme, titoli, poesie copiaincollate e descrizioni fantasiose avulse dal contesto di scatto.
regola-dei-terzi

ESEMPIO DI REGOLA DEI TERZI “Upside down to Amish Life” Progetto Editoriale pubblicato su : Foto Cult – Elegant Magazine – Ob Fashion – Photo: Tiziano Toma Fashion Designer: Pamela Fornari Makeup Artist: Noemi Pasculli make-up – @Giulia Giulia Antoccia Make Up Artist – Nadeshe Mantineo Hair Stylist: Maria Santaniello Booker: TANIA BETTI PHOTOGRAPHY Models : Valentina D’Aloia – Federica Sammarco – Loredana Vulpescu – Flavia Ghercea Assitant : Tiziano Mammana – Gianluca Cococcia

(Articolo scritto da Tiziano Toma)

421 Visite

La fotografia non si fa con il cuore: Parliamo di iperfocale.

Pubblicato il 5,12,2016  - Su Fotografia, Tutorial

Spesso si sente dire, specie in ambienti dove la fotografia è trattata come un KG di Arance o di Mele, che “la fotografia si fa con il cuore”.
Posso essere d’accordo, tralasciando discorsi correlati al professionismo, che la fotografia possa essere prodotta con attrezzature varie e dai costi contenuti.
In ambito professionale, tutto sarebbe da rivedere, in quanto per acquisire un tipo di immagine, utile ai fini commerciali, servono gli strumenti adatti.
Precisiamo:
Se dovessi vendere una sfilata non potrei presentarmi con un 35mm ed una reflex non performante per raffiche e buffering adeguato (a meno di strane richieste del committente).
Rapportandoci alla fotografia in generale e togliendo i distinguo di cui sopra, il cuore non basterebbe a produrre una fotografia.
Potrebbe di certo produrre un’immagine ma non una fotografia.
Per questo, in questo blog, ho deciso di accennare degli argomenti basilari, che possano guidare ed incuriosire il lettore a 3 steps successivi:

Conoscere Conoscere e Conoscere.
Oggi quindi voglio incuriosirvi sul concetto di iperfocale.
Cos’è?

Estratto di Definizione (Fonte Wikipedia)
La distanza iperfocale è la distanza oltre la quale tutti gli oggetti sono accettabilmente nitidi (limite anteriore di profondità di campo), quando un obiettivo è messo a fuoco all’infinito e chiuso ad un determinato valore di diaframma.

Ok ma a cosa serve?

Il concetto di iperfocale va correlato a quello di profondità di campo.
La profondità di campo è quel piano risultante a fuoco
assieme al piano della messa a fuoco scelta.
La profondità di campo è variabile a seconda del diaframma, della focale e della distanza della fotocamera al piano di fuoco scelti.
Esiste quindi, per ogni focale e per ogni diaframma, una distanza di messa a fuoco, che amplierà la profondità di campo dall’infinito, a una punto posto all’incirca nella metà della distanza di messa a fuoco.
Tale distanza viene chiamata iperfocale.

Dal piano teorico all’atto pratico, esiste una formula per calcolare l’iperfocale:
Iperfocale = (f2 / D*rmin) + f
f = lunghezza focale
D = apertura e
rmin =  circolo di confusione ( il più piccolo cerchio che l’occhio umano riesce a distinguere ad una determinata distanza).

Sugli obiettivi a focale fissa vengono riportati la scala delle distanze di messa a fuoco ed i  riferimenti che consentono di impostare facilmente la distanza iperfocale.

Esempio di impostazione iperfocale.

Esempio di impostazione iperfocale.

E voi conoscevate il concetto di iperfocale?
Lo ritenete utile?
Approfondirete l’argomento?
Scrivetemelo in un commento a questo articolo.

(Articolo scritto da Tiziano Toma)

614 Visite
Back to Top